Il Disegno nell’Infanzia

9 Gennaio 2016 – 9 Aprile 2016

Corso: Il Disegno nell’infanzia. L’uso del disegno come strumento per la comprensione delle dinamiche psichiche

7 workshops interattivi per l’acquisizione delle procedure d’uso di uno strumento di diagnosi qualitativa, potente ed efficace soprattutto nell’età evolutiva.
I workshops si rivolgono a psicologi, educatori, insegnanti, studenti in psicologia, ed hanno la durata di 4 ore dalle 9.00 alle 13.00.
Le modalità didattiche saranno interattive. Gli allievi avranno modo di imparare le procedure, di analizzare casi reali e di presentare dei disegni da analizzare insieme al gruppo (previo accordo con il docente).
Il costo di ciascun workshop è di 20 euro, inclusi i materiali didattici, il coffe break, l’attestato di partecipazione al singolo Workshop.
L’iscrizione anticipata all’intero corso dà diritto alla partecipazione gratuita al primo workshop obbligatorio ed al workshop finale di approfondimento e l’attestato di frequenza del Corso Formativo.

Per iscriversi compilare il MODULO e inviarlo entro il 20 Dicembre 2015 a: info@centrogenerazioni.it

 Leggi la biografia breve della docente.

Annunci
Comments
6 Responses to “Il Disegno nell’Infanzia”
  1. paolaspadaro ha detto:

    Argomenti del W1 – 9 Gennaio 2016:
    I bambini disegnano prendendo spunto dalle proprie esperienze emotive, sensoriali e percettive. Questo fa del disegno un potente strumento che ci permette di guardare oltre l’osservabile.
    Il Disegno é un ponte tra il corporeo ed il mentale in cui immagini che provengono dall’interno si concretizzano nel gesto grafico. Durante il W1 parleremo di questo ed anche di come si sviluppa il disegno nelle varie età, cosa aspettarci da un bambino e cosa fare per non restare in ascolto e non soffocare la spontaneità del grafismo.

  2. paolaspadaro ha detto:

    Argomenti del W2 – 23 Gennaio:
    Lo sapevate che il Disegno della Figura umana può anche darci l’idea del QI del bambino?
    Il test della figura umana è solitamente conosciuto come test proiettivo, che ci permette di capire come il bambino percepisce il sé corporeo. Tuttavia c’è anche una procedura standardizzata che ci permette di utilizzarlo come test cognitivo, quando non abbiamo altri strumenti a disposizione. Durante il workshop del 23 Gennaio scopriremo entrambe le procedure.

  3. paolaspadaro ha detto:

    Argomenti del W3 – Il Disegno delle relazioni in classe
    Ci sono vari modi per analizzare le relazioni in classe. Il disegno è di certo uno degli strumenti più sensibili nei primi anni della scuola primaria, ma anche in seguito, soprattutto nei casi in cui la comunicazione esplicita non è favorita dal clima della classe. Esistono due procedure possibili: una utilizzata tanto in ambito di ricerca ed una seconda usata soprattutto per offrire indicazioni agli insegnanti circa il clima e gli eventuali interventi da attuarlo per migliorarlo.

  4. paolaspadaro ha detto:

    Argomenti del W4 – 13 Febbraio
    Il Test della Famiglia è uno dei test grafici più utilizzati in ambito clinico. La procedura è semplice e rapida ma…quanti errori tuttavia si compiono quando nella mente dell’esaminatore c’è già un modello di famiglia che si prevede sia mostrato dal bambino! Dallo spostamento sul piano reale di ciò che è simbolico alla direttività delle domande, sono tanti i tipi di errore che andremo a vedere durante il workshop del 13 Febbraio.

  5. paolaspadaro ha detto:

    Argomenti W5 – 5 Marzo
    Il Test della persona sotto la pioggia è poco usato ma davvero molto utile per comprendere le dinamiche difensive del bambino. Nella valutazione clinica, questo test è usato soprattutto in presenza di bambini e adolescenti che non hanno scelto di essere valutati e quindi mettono in campo azioni di opposizione. Anche l’intervento clinico o educativo può essere orientato grazie a questo test, poichè qualunque intervento non deve mai prescindere da come il bambino sceglie di difendersi da ciò che non può ancora metabolizzare da solo.
    Di questo parleremo durante il workshop del 5 Marzo.

  6. paolaspadaro ha detto:

    Argomenti del W6 – 19 Marzo
    Avete mai sentito parlare del Test del Fondo del Mare? E’ spettacolare vedere come un bambino può sperimentare un senso di completa espressione eseguendo un test che ha l’obiettivo di indagare le dinamiche più profonde del suo momento di vita. Nello studiare questo test vedremo anche come fare ad orientare le risposte dei bambini verso un approfondimento di temi passati o futuri, legati alla Persona o all’Inconscio.
    Di questo e di altri test “minori” (ma non meno efficaci) parleremo nel workshop del 19 Marzo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

  • Il presente sito utilizza i cookies per migliorare la tua esperienza di navigazione. Restando in questo sito acconsenti al loro uso, in caso contrario sei pregato di interrompere la visualizzazione.INFORMATIVA
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: